#racconto Domenica

“Ciao, sono tornata.”
“Ciao tesoro, com’è andata al lavoro?”
“Tutto normale mà, meno male che la domenica lavoro solo mezza giornata sennò impazzisco”
“Non ti lamentare che di questi tempi sei fortunata ad avere un lavoro. Tuo cugino si è laureato da più di un anno…”
“.. E sta ancora cercando lavoro e lo ha chiamato solo Mc Donald. Lo so, me lo hai già raccontato tante volte”
“Chiama tuo papà e guarda se tua sorella è sveglia che è pronto”.

Pà è sempre allo stesso posto. Nel salotto sulla sua poltrona con davanti uno di quei tavolini alti con le ruote che puoi spostare dove vuoi. Tv perennemente accesa, ma non la guarda nessuno, visto che lui ha davanti il suo pc portatile.
Quella del pc è stata proprio una sfida. Se lo è comprato il giorno che è andato in pensione dicendo che era arrivato il momento di imparare ad usare la tecnologia di oggi. E ora sono esattamente 3 anni che non si smuove da quel computer. Mia madre sperava di rivivere una seconda giovinezza dopo la pensione di suo marito e invece lui non esce nemmeno più per fare colazione al bar o comprarsi il giornale. Alle 6 del mattino è già sulla sua poltrona, con caffè latte e fette biscottate, a leggere le notizie fresche fresche su vari siti internet.
“Pà!”
Nulla.
“Paàà!”
Non si muove. Mi ignora?
Mi avvicino e mi accorgo che ha gli auricolari nelle orecchie e il volume talmente alto che se sto dietro di lui sento benissimo cosa raccontano su History Channel.
La storia di Roma ai tempi dei gladiatori. Perchè dopo aver imparato ad usare il suo amato pc ha scoperto che grazie a questa nuova tecnologia chiamata internet che si sognavano quando lui era giovane, può imparare più di quello che studiava a scuola. Perciò documentari a tutto andare, però solo su pc. Perchè sono più all’avanguardia.
Gli tocco la spalla, lui trasale e mi guarda.
“Sei tornata?”
“E già.. Mamma dice che è pronto”
“E tua sorella è sveglia?”
“Ora vado a vedere”
“Tanto dormirà!”
Lo vedo che con il suo ditone cerca di armeggiare con il mouse incorporato nel pc portatile ( ne aveva uno normale, ma se la tecnologia va avanti lui deve stargli dietro). Cerca di fermare il video ma non si sa come chiude la pagina. Mentre sono in corridoio lo sento bestemmiare e sgridare il pc perchè non fa quello che vuole lui.

Una normale domenica, con tante altre.

3 commenti

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...